Regulation

Le criptovalute “non possono essere partigiane”, afferma il legislatore statunitense che ha ottenuto un punteggio negativo sull’indice di bipartitismo: Report

Secondo quanto riferito, il membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Tom Emmer ha suggerito che la regolamentazione e l’incoraggiamento dell’innovazione nello spazio crittografico non dovrebbero essere una vittoria politica né per i democratici né per i repubblicani.

Secondo un’intervista rilasciata martedì dal giornalista di Axios Brady Dale, Emmer disse molti dei suoi colleghi al Congresso trattavano le criptovalute come un rischio che meritava avvertimenti, piuttosto che un’opportunità di investimento per gli Stati Uniti. Il legislatore statunitense ha aggiunto che figure incoraggianti come il CEO di FTX Sam Bankman-Fried a rimanere nel paese apriranno più porte ai residenti piuttosto che allontanarli dall’incertezza normativa.

Emmer, che ha spesso respinto l’approccio “regolamento mediante applicazione” adottato da alcune agenzie governative, inclusa la Securities and Exchange Commission, avrebbe messo in dubbio la divisione partigiana tra la legislazione e le politiche relative alle criptovalute. Un repubblicano, Emmer avrebbe contestato le affermazioni fatte dalla senatrice democratica Elizabeth Warren, che è stata una delle critiche più esplicite delle criptovalute al Congresso, proponendo una legislazione che chiuderebbe i servizi crittografici forniti dalle banche, definendo la finanza decentralizzata “la parte più pericolosa del mondo delle criptovalute” e equiparando gli investimenti in criptovalute alle truffe senza protezione dei consumatori.

“Sento che [crypto] non può essere di parte”, ha detto Emmer. “Si tratta letteralmente di guardare all’America e alle opportunità per gli americani […] Se provi a correre tutti i rischi da questa roba, beh, ti toglierai molte opportunità […] Può succedere qui in questo paese o accadrà da qualche altra parte”.

Mentre il rappresentante del Minnesota ha affermato che potrebbe non volere che la regolamentazione delle criptovalute sia di parte, la collaborazione tra Democratici e Repubblicani è diminuita nel 2021 in seguito all’attacco della mafia al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio, secondo ai dati del Lugar Center e della McCourt School of Public Policy della Georgetown University. Emmer si è classificato come il 156° legislatore più bipartisan su 435 membri della Camera, con un punteggio negativo di -0,26955. Nella classifica del Senato, Warren ha ottenuto un punteggio ancora più basso, a -0,79962.

“Un punteggio negativo indica che un membro scende al di sotto della media del proprio gruppo per il periodo di riferimento di 20 anni”, hanno affermato i ricercatori. “Un punteggio molto negativo sull’Indice Bipartisan indica che un membro sta pensando poco a lavorare con l’altra parte quando presenta progetti di legge e prende decisioni di co-sponsorizzazione”.

Imparentato: Linee nella sabbia: il Congresso degli Stati Uniti sta portando la politica di parte nelle criptovalute

Emmer non è rimasto solo: circa il 60% dei senatori di entrambi i lati della navata e il 75% di tutti i membri della Camera degli Stati Uniti hanno ottenuto un punteggio negativo nel 2021, secondo l’indice. La senatrice del New Hampshire Maggie Hassan, democratica, è stata classificata con il record di bipartitismo più alto e in precedenza ha sollevato preoccupazioni sull’uso della criptovaluta negli attacchi ransomware.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button